“Che fine ha fatto la cicogna” Al via la campagna promossa da Merck

L’obiettivo dell’iniziativa promossa da Merck è quello di favorire l’informazione e il dialogo sui temi legati alla fertilità, alla genitorialità e alla prevenzione.

Il video



Press release

Roma, 10 ottobre 2016

“Che fine ha fatto la cicogna” Al via la campagna promossa da Merck

 

• Il punto di vista dei più piccoli sul diventare genitori oggi

• Una campagna di sensibilizzazione promossa da Merck, con attività online e sul territorio, per favorire un maggiore dialogo sul tema della fertilità

 

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, annuncia la campagna Che fine ha fatto la cicogna?.

L’iniziativa intende sensibilizzare sui temi della fertilità, attraverso attività digitali e sul territorio, partendo dal punto di vista nuovo e originale dei bambini.

Leggi il comunicato stampa completo >

In particolare, a lanciare la campagna è un video i cui protagonisti sono proprio bambini provenienti da tutta Italia, che rispondono a domande quali: “Dove stanno i bambini prima di arrivare dai loro genitori?”; “Come nascono i bambini?” fino ad arrivare alla domanda più importante “E quando un bambino non arriva?”.

La freschezza e la spontaneità dei più piccoli, le loro risposte semplici, le loro soluzioni fantasiose, faranno sorridere e, al tempo stesso, riflettere.

Quando un bambino non arriva è importante cercare aiuto e rivolgersi tempestivamente a chi è in grado di offrirlo.

Il video, diffuso sul web e sui social, darà il via a una serie di altre attività: il sito internet www.chefinehafattolacicogna.it, con le informazioni necessarie per prendersi cura della propria fertilità e un questionario per autovalutare il proprio livello di conoscenza sulla fertilità; il materiale divulgativo che sarà distribuito presso tutti i centri di PMA italiani e presso il corner Merck, allestito sabato 22 ottobre all’interno del centro commerciale ROMA EST di Roma; la campagna social per la condivisione di video spontanei sul tema della campagna con hashtag dedicato.

“La campagna Che fine ha fatto la cicogna – ha dichiarato Antonio Messina, a capo del business biofarmaceutico di Merck in Italia – testimonia il nostro impegno nel ribadire, diffondere e rafforzare una corretta informazione sulla fertilità. Con questa iniziativa intendiamo favorire l’informazione e il dialogo sui temi legati alla fertilità, alla genitorialità e alla prevenzione”.

Anche “Che fine ha fatto la cicogna” si inserisce all’interno delle iniziative del Manifesto per la Fertilità, presentato da Merck a novembre 2015, che rappresenta il documento programmatico ideato in armonia con gli obiettivi del Piano Nazionale del Ministero della Salute, per diffondere una nuova e più consapevole cultura della fertilità nel nostro Paese e per sostenere il progresso scientifico e la formazione professionale degli specialisti.

La campagna Che fine ha fatto la cicogna ha ottenuto i seguenti patrocini: AGUI (Associazione Ginecologi Universitari Italiani), AOGOI (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani), CECOS (Centri studio conservazione ovociti e sperma umani), SIA (Società Italiana di Andrologia), SIAMS (Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità), SIDR (Società Italiana della Riproduzione), SIE (Società Italiana di Endocrinologia), SIERR (Società Italiana di Embriologia, Riproduzione e Ricerca), SIFES (Società Italiana di Fertilità e Sterilità e Medicina della Riproduzione), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), Fondazione Cesare Serono.



Bibliografia

HYPERLINK “http://www.iss.it/rpma/index.php?lang=1&id=131&tipo=17” 

HYPERLINK “http://www.sidr.it/cms/view/repronews/ elenco_numeri/9_1_marzo_2007/elenco_news/ fivet_dopo_40_anni_nuove_strategie_terapeutiche/ s6464/c22268.html” 

 

Informazioni su Merck

Merck è un’azienda scientifica e tecnologica leader nei settori Healthcare, Life Science e Performance Materials. Circa 50.000 dipendenti operano per sviluppare tecnologie in grado di migliorare la vita – dalle terapie biofarmaceutiche per il trattamento del cancro e della sclerosi multipla a sistemi all’avanguardia per la ricerca scientifica e la produzione, ai cristalli liquidi per gli smartphone e i televisori LCD. Nel 2015 Merck ha generato vendite per 12,85 miliardi di Euro in 66 Paesi.

Fondata nel 1668, Merck è la società farmaceutica e chimica più antica al mondo. Ancora oggi, la famiglia fondatrice detiene la quota di maggioranza della Società. Merck (Darmstadt, Germania), detiene i diritti globali sul nome e marchio Merck. Le sole eccezioni sono costituite da Stati Uniti e Canada, dove la Società opera con le denominazioni EMD Serono, EMD Millipore e EMD Performance Materials.

 



Leggi il comunicato stampa

SEMPRE VICINI A MEDICI E PAZIENTI. UN IMPEGNO PER LA VITA.

Siamo conosciuti per le nostre terapie innovative. Ma noi di Merck facciamo molto di più: in Italia e nel Mondo, portiamo avanti progetti basati su un concetto di salute che vada oltre la terapia e sia capace di fare una reale differenza nella vita delle persone.


Scopri di più su Merck